Meditazione e Mindfulness

 

Quando la scienza incontra la tradizione

 

Il termine Mindfulness deriva dalla traduzione inglese della parola Sati in lingua Pali, che significa "attenzione consapevole".

Si tratta di una forma di meditazione che vanta una storia di oltre duemilacinquecento anni e affonda le sue radici nelle tradizioni contemplative buddhiste. Seppure la mindfulness derivi da questa tradizione, le sua pratica non è necessariamente connessa a questa ideologia, essendo una forma di meditazione universalmente accessibile al di là di ogni sistema di credenze.

 

Recenti studi internazionali hanno dimostrato scientificamente i benefici che si raggiungono attraverso questa pratica.

Essa permette di osservare le proprie sensazioni fisiche, le emozioni e i pensieri così come si presentano.

 

La pratica consente di esercitare una qualità molto importante: l'osservazione.

Osservare il modo in cui pensiamo, sentiamo e ci rapportiamo agli stimoli, ci invita a intraprendere un percorso teso a riconnetterci con il nostro essere più autentico.

Assumendo un atteggiamento non giudicante rispetto ai propri pensieri, anche quando insistenti e ricorrenti, diveniamo consapevoli di ciò che ci accade nel qui e ora, permettendo di esplorare i livelli più profondi del Sè.

Nella vita quotidiana spesso ci accade di inserire il "pilota automatico", rivolgendo l'attenzione a qualcosa di diverso rispetto a quello che stiamo facendo, rischiando di perderci il valore del momento.

Possiamo vivere anni in uno stato di torpore senza neanche accorgercene, vittime di comportamenti automatici e ripetitivi.

Negli ultimi trent'anni questo tipo di meditazione è stata sempre più utilizzata in ambito clinico per la cura di diversi disturbi quali ansia, depressione, dolore cronico, stress e disordini alimentari.

 

La meditazione mindfulness ha un effetto diretto sugli equilibri cellulari, andando a stimolare anche la risposta immunitaria e migliorando condizioni mediche diagnosticate.

Meditatori esperti mostrano un rallentamento dell'invecchiamento cellulare grazie all'effetto diretto sui meccanismi biochimici che proteggono il DNA. 

 

I risultati di una pratica costante sono formidabili :

  • Miglioramento del funzionamento del sistema immunitario ;
  • Riduzione dell’ansia e del senso di irrequietezza;
  • Riduzione dello stress e del senso di irritabilità ;
  • Diminuzione di tristezza e stati depressivi ;
  • Diminuzione del dolore e dell’infiammazione a livello cellulare ;
  • Aumento delle emozioni positive ;
  • Aumento delle capacità di concentrazione ;
  • Miglioramento della capacità di autocontrollo;
  • Miglioramento delle capacità di memoria e di attenzione multipla ;
  • Contrasto dei disordini alimentari ;
  • Miglioramento della creatività e della capacità di pensare fuori dagli schemi ;
  • Rallentamento dell'invecchiamento cellulare in meditatori esperti.

 

Visita la pagina dedicata ai nostri corsi e consulta il nostro calendario per prenotare la tua prova gratuita.

Nel caso ti interessasse approfondire le basi scientifiche di quanto riportato sopra clicca qui.

 

Autori: Valerio Principessa e Laura Calosso

 

Bibliografia:

Kabat-Zinn, J., (2011). Dovunque tu vada ci sei già, in cammino verso la consapevolezza; Tea Edizioni.

Preziosi, E., (2016). Corso di Meditazione di Mindfulness, conosco, conduco, calmo il mio pensare; Franco Angeli Editore.

Porcelli, P., (2009). Medicina psicosomatica e psicologia clinica: modelli teorici, diagnosi e trattamento. Raffaello Cortina Editore, Milano.

BENEFICI SCIENTIFICAMENTE PROVATI:

 

  • Miglioramento del funzionamento del sistema immunitario ;
  • Riduzione dell’ansia e del senso di irrequietezza;
  • Riduzione dello stress e del senso di irritabilità ;
  • Diminuzione di tristezza e stati depressivi ;
  • Diminuzione del dolore e dell’infiammazione a livello cellulare ;
  • Aumento delle emozioni positive ;
  • Aumento delle capacità di concentrazione ;
  • Miglioramento della capacità di autocontrollo;
  • Miglioramento delle capacità di memoria e di attenzione multipla ;
  • Contrasto dei disordini alimentari ;
  • Miglioramento della creatività e della capacità di pensare fuori dagli schemi ;
  • Meditatori esperti mostrano un rallentamento dell'invecchiamento cellulare.

La meditazione è l’arte o la tecnica di calmare la mente

in modo da placare il brusio interminabile che normalmente riempie la nostra coscienza.

Nella quiete di una mente silenziosa, chi medita inizia a diventare un osservatore, a raggiungere una condizione di distaccamento e infine a essere consapevole di uno stato di coscienza superiore.

 

Brian Weiss

Potrebbero interessarti anche :

PSICOSOMATICA E PNEI

Il nuovo ponte tra medicina e psicologia

Leggi di più

 

 

 

LASCIARE ANDARE L'ANSIA

Vivere il presente liberi dalla pre-occupazione.

Leggi di più

LINGUAGGIO NON VERBALE

Il volto delle emozioni.

Leggi di più

 

 

 

ALIMENTAZIONE E STATI MENTALI

Come la Naturopatia può intervenire nel trattamento dei disturbi dell'umore.

Leggi di più