Cos'è la Naturopatia?

 

In cosa consiste una consulenza naturopatica?

 

La Naturopatia è una multidisciplina bio-naturale non medica volta al mantenimento e al consolidamento dello stato di benessere dell’individuo. Riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO 2010 - Benchmarks for Training in Naturopathy), come tecnica finalizzata alla prevenzione e alla promozione della salute ottimale, si avvale di metodi non invasivi volti al sostegno dell’innato potenziale di autoregolazione insito in ognuno di noi (vis medicatrix naturae).

Si rivolge alla persona intesa come unità di corpo, mente ed emozioni in una prospettiva integrata, a partire dalla rieducazione alimentare e dello stile di vita, con l’aiuto di rimedi e tecniche naturali

.

Utilizza fra gli strumenti di indagine l'analisi costituzionale dell'iride, si avvale di integratori alimentari, oli essenziali, fitocomplementi nutrizionali e fiori di Bach, propone tecniche di rilassamento e pratiche di riequilibrio energetico come la reflessologia plantare.

Una consulenza professionale può fornire suggerimenti e consigli importanti per migliorare il proprio stile di vita, accelerare i naturali processi di recupero funzionale, migliorare l’umore e ritrovare uno stato di benessere il più possibile completo.

 

I consigli e i trattamenti proposti dal naturopata non sono di carattere sanitario, non prevedono in alcun modo una diagnosi, una prognosi e una terapia, né tantomeno la prescrizione di farmaci o esami clinici, in quanto la naturopatia non è una disciplina medica, bensì un approccio orientato al riequilibrio energetico e funzionale della persona.

 

Basandosi su tecniche dolci e non invasive, può essere indicata in qualunque situazione si desideri diventare attivamente responsabili del proprio benessere e agire in prevenzione sulla salute, possedendo una migliore consapevolezza e conoscenza di sé e del proprio star bene. ll naturopata ha infatti un ruolo educativo per incoraggiare uno stile di vita salubre responsabilizzando la persona nei confronti del suo stato di salute

.

La naturopatia è indicata soprattutto nel caso in cui il soggetto presenti un disagio non riconducibile ad una patologia, ovvero in tutte quelle condizioni (denominate C.E.S.E., ossia Cumulative Effects of Subclinical Everything) che non sono evidenziabili clinicamente e che sono spesso considerate effetto dello stress, di cattive abitudini, di uno stile di vita poco sano. In tutti quei casi di squilibrio energetico, ovvero di “alterazione del terreno individuale” che sfuggono all’interesse della scienza medica, la naturopatia può intervenire a sostegno della persona, migliorandone la forza vitale e stimolando la capacità innata di auto-regolazione presente in ciascuno di noi.

 

La consulenza naturopatica prevede, a seconda dei casi:

 

  1. Colloquio individuale: volto a individuare la costituzione, lo stile di vita e la forza vitale della persona e a esplorare la natura del disagio o dello squilibrio ;

 

  1. Valutazione costituzionale dell’iride: finalizzata alla ricerca delle cause di tali squilibrio, dei punti di forza e dei punti di debolezza individuali, che si possono evincere dalla lettura dei segni presenti sull’iride, il quale, secondo i principi della reflessologia, rappresenta una mappatura del nostro corpo attraverso cui evidenziare la costituzione;

 

  1. Consigli di alimentazione naturale ed eumetabolica: per migliorare il proprio stile di vita a partire dalle abitudini alimentari, privilegiando una dieta sana e ricca di nutrienti essenziali quali enzimi, minerali, vitamine, e soprattutto poco acidificante.

 

  1. Trattamento riflessologico: per ricercare la presenza di eventuali blocchi energetici, rilevare squilibri e facilitare il riequilibrio funzionale;

 

  1. Rimedi floreali: per sostenere la persona e potenziarne il vitalismo lavorando in maniera sinergica sul corpo e sullo spirito attraverso le essenze floreali, ovvero la parte della pianta più attiva a livello emotivo e psichico.

 

  1. Integrazione alimentare e utilizzo di fitocomplementi: si tratta di prodotti erboristici, complessi vitaminici e minerali, ologoelementi, nutraceutici, che solo quando necessario possono venire consigliati (secondo il D.Lgs 169/2004 - DIRETTIVA UE 2002/46/CE) al fine di mantenere, sostenere e ottimizzare le funzioni fisiologiche normali del soggetto.

 

In tutti i casi trattasi di metodiche bioenergetiche e nutrizionali, utilizzate in riferimento alle caratteristiche morfo-funzionali e non classificabili come dispositivi medici (come evidenziato dal Profilo degli Operatori in DBN - Discipline Bio Naturali- Regione Lombardia)..

 

 

Autore: Maria Elena Marchionatti

 

Bibliografia:

Lanza, R. e Vettorello, D. (2007). Il codice deontologico dei naturopati italiani. Cuneo: Edizioni Verde Libri.

Firenzuoli, F. (2000). Le 100 erbe della salute. Milano: Tecniche Nuove, 2005.

Muramoto, N. (1975). Il medico di sé stesso. Manuale pratico di medicina orientale. Milano: Feltrinelli, 1977.

Pizzorno, J. (1996). Benessere totale. Imparare a conoscere i meccanismi di guarigione del proprio corpo per vivere meglio. Milano: Tecniche Nuove, 2001.

Santagà, D. (2012). L’albero della naturopatia. I principi che regolano la salute e l’energia vitale. Padova: Editoriale Programma.

RIASSUMENDO:

 

  • La Naturopatia è una disciplina bio-naturale (non medica) che si propone di migliorare lo stato di benessere della persona;
  • Si rivolge all’essere umano inteso come unità di corpo, mente ed emozioni in una prospettiva integrata ;
  • Utilizza metodiche e trattamenti non invasivi, a carattere non sanitario (colloquio naturopatico, esame iridologico, analisi reflessologica, eventuale integrazione alimentare con fitocomplessi e nutraceutici, fiori di Bach, vitamine e minerali) ;
  • Si occupa di squilibri energetici e non di malattie (di esclusiva pertinenza medica) ;
  • Educa ad uno stile di vita sano e ad una alimentazione naturale e bilanciata, adeguata alle caratteristiche di terreno della persona.

L ’uomo è ciò che mangia. […] I cibi si trasformano in sangue, il sangue in cuore e cervello; in materia di pensieri e sentimenti. L’alimento umano è il fondamento della cultura e del sentimento

 

Ludwig Fuerrbach

Potrebbero interessarti anche :

PSICOSOMATICA E PNEI

Il nuovo ponte tra medicina e psicologia

Leggi di più

 

 

 

LASCIARE ANDARE L'ANSIA

Vivere il presente liberi dalla pre-occupazione.

Leggi di più

LINGUAGGIO NON VERBALE

Il volto delle emozioni.

Leggi di più

 

 

 

MEDITAZIONE E MINDFULNESS

Quando la scienza incontra la tradizione.

 

Leggi di più